Archivi categoria: 1926

Circuito di Valle Giulia (1926) – 2.a parte (ricognizione)

(Qui la 1.a parte)

Vibrazioni, problemi di luminosità, messa a fuoco, semafori… ma il camera car è solo per verificare cosa vorrebbe dire correre oggi su quel circuito. In due punti sono stato costretto dai sensi unici ad abbandonare brevemente il tracciato originario, e sono segnalati nel filmato con frecce rosse (dove passava il circuito) e frecce blu (dove sono passato io); nel primo caso, tra l’altro, non è ben chiaro dove il circuito da via Flaminia rientrava in viale Tiziano, dato che nella cronaca dell’epoca, che allego, si parla di solo un centinaio di metri percorsi sulla Flaminia. Rimangono i dubbi (a cui ho accennato nella 1.a parte) su quale fosse l’effettivo andamento del circuito alla fine del Lungotevere (circa 4’10” del filmato) ma lo darei per certo al 90%. Inoltre non credo che all’epoca esistesse (ma non ho gli elementi per verificarlo) quella che adesso è la “chicane” costituita dall’attuale Piazza Santiago del Cile, che divide in due parti viale Parioli.

La ricognizione sul circuito è stata effettuata rispettando il codice della strada, compresi i limiti di velocità. In fase di post-produzione il video è stato accelerato in alcuni punti che sarebbero potuti risultare noiosi per lo spettatore, come i lunghi rettilinei ed i rallentamenti dovuti ai semafori rossi.

 

La cronaca della corsa, della cui  provenienza ho detto nella 1.parte:

 

 

Si parla di 8 km di circuito; le medie sono calcolate su 7,5 km (vedi anche qui) mentre il contachilometri della mia auto ha segnato 7,1 km. Il giro più veloce fu di 4’17″4/5, media oltre 104 km/h. Suppongo che il fondo stradale negli anni ’20 non fosse paragonabile all’attuale, ed in una parte del circuito c’erano già i binari del tram.
In condizioni ottimali, senza traffico (cioè di notte…), tutti semafori verdi e rispettando i limiti di velocità, il circuito è adesso teoricamente percorribile in circa 9′.

Roma, Circuito di Valle Giulia (1926)

Dal 1925 al 1932 si svolse il Reale Premio di Roma, su tracciati vari della Capitale e dintorni. Per approfondimenti segnalo la pagina di Wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Reale_Premio_di_Roma) e soprattutto il monumentale sito Circuiti/Tracks (http://www.gdecarli.it/), il cui titolare mi ha fornito la documentazione a sua volta proveniente dall’emeroteca del Coni.
Si tratta dei programmi ufficiali delle gare del ’27 e del ’28, pubblicate dall’Automobile Club di Roma, nelle quali si fa riferimento anche alle edizioni precedenti. Ho estratto alcune fotografie con l’intenzione di riprodurne le inquadrature, per quanto possibile fedelmente, 85 anni dopo. Ambizione un  pò frustrata, in alcuni casi, dalle mutate condizioni di viabilità ed urbanizzazione. A giorni sarà online il video on board del circuito.

La zona della partenza era il Viale delle Belle Arti, all’altezza del Palazzo omonimo (Galleria d’Arte Moderna)

Curva a destra, la prima del circuito. La foto del 1926 è stata scattata probabilmente da dove adesso c’è l’Istituto Giapponese di Cultura (che si vede in alto a sinistra nella mia terza foto). Come si vede le rotaie del tram erano già presenti all’epoca, e ci si correva sopra. Il palazzo che si vede sullo sfondo della foto dei giorni nostri, è l’Accademia di Romania, costruito qualche anno dopo ed inaugurato nel 1933.

Successiva controcurva a sinistra

Arrivando da Viale Tiziano, il circuito girava a destra sul Lungotevere

Questa è la foto che mi ha dato più problemi e mi ha lasciato dei dubbi. Il luogo è quasi sicuramente questo, ma la curva probabilmente no; dovrebbe essere dietro il parcheggio che si vede in mezzo alla mia foto. Siamo nel punto dove arrivando dal Lungotevere dell’Acqua Acetosa (da destra) ci si immette in Via della Fonte dell’Acqua Acetosa, ma quest’ultima è in salita, mentre dalla foto originale sembrerebbe che si arrivi in discesa da destra; come si nota nella foto a colori, l’effettivo andamento altimetrico è al contrario.
 Ho risolto il problema decidendo che la foto del 1926 era stata stampata erroneamente invertita.
Girandola mi ci ritrovo di più:  

Ho anche virato la mia foto, e così mi sembra più convincente; in pratica, il circuito arrivava da destra,  da dietro il parcheggio ed imboccava Via della Fonte dell’Acqua Acetosa in salita, così come si vede nel filmatino:

//www.youtube.com/get_player

La curva successiva. Arrivando da sinistra, le auto giravano verso Viale Parioli, sulla destra. Per rendere la stessa inquadratura avrei dovuto piazzarmi più indietro, in mezzo alla strada, ma la presenza di cartelli stradali l’avrebbero nascosta e probabilmente sarei stato investito. 

Per la ricostruzione del tracciato, si può consultare Circuiti/Tracks seguendo i link: ITA,  e poi Roma, Parioli/Valle Giulia.