Archivi tag: I rotoli di Temesvar

Gli squali nella vasca da bagno

Ispirato da un blog che ho scoperto recentemente (nostalgiaautodeporte.blogspot.com),
e precisamente da un post che trattava della 6 ore di Vallelunga del 1973, ho raccolto tutta (credo) la documentazione di cui dispongo riguardo questa gara.
Si trattava della prima gara in assoluto di un Campionato Mondiale disputata sul circuito romano.

Le perplessità
da Autosprint #8/1973
(download 2 pagg.)
La cronaca della gara
da Autosprint #13/1973
(download 6 pagg.)
Sette giorni dopo
da Autosprint #14/1973
(download 4 pagg.)
Pareri discordanti
da Autosprint #15/1973
(download 3 pagg.)
estratto dal programma della gara
(con intervista a Enzo Ferrari)
(download 18 pagg.)







Abitavo a Roma da pochi mesi e questa fu la prima gara a cui assistevo dalle tribune di Vallelunga. Queste foto furono scattate da mio padre e nella terza si può notare nel pubblico il futuro Milo Temesvar.

Il poco sportivo “gesto col braccio” del d.s. Matra, di cui si parla su Autosprint, era stato qualche ora prima rivolto da molti tifosi Ferrari all’indirizzo dei box francesi, nel momento (immortalato nella foto) della fermata definitiva di François Cevert, mentre passa la 312P di Ickx-Redman.

Annunci

Abbandono la città per il periodo festivo

Gli ARCHIVI TEMESVAR

Sarò con poco internet e quindi probabilmente eventuali commenti/richieste verranno letti nel 2012…
Continua comunque la pubblicazione programmata sul blog. In particolare accogliendo un paio di suggerimenti di un lettore, che ci porteranno verso la fine degli anni settanta.

PROPOSITI PER IL NUOVO ANNO

Continuando con la logica del “cosa succedeva quarant’anni fa”, inizierà la pubblicazione di articoli di AS del 1972. Inoltre esaurirò le annate già iniziate del ’70 e del ’76.
Come sempre, collaborazioni e richieste saranno accolte con piacere.

Buon anno.

Considerazioni sparse

Non so se la ricorrenza dei quarant’anni dalla scomparsa e dal titolo mondiale di Jochen Rindt sia stata ricordata a sufficienza, ma sicuramente più sulla rete (per esempio in motorsportblog.it) che non in tv. L’attesa per il possibile riscatto (poi avvenuto) della Ferrari in occasione del GP a Monza ha contribuito a mettere da parte il ricordo di questo ragazzo che non arrivò a festeggiare il suo campionato mondiale; abbandonando le piste terrestri, appunto a Monza, nel Gran Premio del ’70.

Erano anni di troppi incidenti fatali.
Nella pagina di Autosprint che vedete, Rindt vince in quel 1970 un triste GP di Olanda nel quale aveva perso la vita Piers Courage. Quel giorno vidi la gara nella sala della tv di un albergo di Abano Terme.


Dalla cronaca fotografica di quel GP di Olanda, non posso evitare di riesumare queste immagini:

(cliccare per ingrandire)
Secondo la didascalia della foto a destra John Surtees si sta lamentando con Pedro Rodriguez per una manovra azzardata del messicano. Considerando che nella foto sembra che Surtees gli stia offrendo un drink, mi sorge spontaneo il confronto con certe reazioni un pò isteriche dei piloti della Formula Uno odierna.